Albero di Natale del grizzly

In 33 anni di vita mi è capitato di avere un piccolo abete morto in casa solo l’anno scorso… ed il nostro gatto (o altri gatti prima dell’acquisto) ha pensato bene di farci la pipì sopra… e in più ogni giorno dovevo spazzare via migliaia di aghetti caduti! Una noia!
Dunque, quest’anno, ho resuscitato il mio vecchissimo albero di casa Nanni. 🙂 Mio padre ha conservato la reliquia in cantina per più di 30 anni e devo dire che l’aberino super vintage ha tenuto bene e il nostro angolino natalizio ha si un aspetto vecchiotto, ma quel vecchiotto interpretato bene che regala a tutto il salotto una vera e sincera atmosfera di festa.
Le decorazione le avete già viste in un post di qualche giorno fa, tutte home made e davvero buffine! Presto potrò postare l’alberino tutto vestito accompagnato dal mini presepe anch’esso della mia infanzia.

E’ stato faticosissimo l’allestimento del tutto, con le bimbe eccitate dall’evento e molto stanche per via del mancato riposo mattutino… comunque siamo sopravvissuti anche a questo e ne sono davvero felice! Per me il Natale è sempre stato un giorno nero. Nè bianco, nè rosso nè dorarto. Nero, nerissimo.

Le tensioni di fine anno son sempre state forti in me e nella mia famiglia, la mia mamma parrucchiera lavorava 10 ore al giorno fino al 31dicembre compreso… era sfinita e di certo non emanava gioia e rilassatezza tipica delle feste! Mio padre, sempre scorbutico come un grizzly, pensava bene di rincarare la dose di brutalità con l’arrivo di Babbo Natale… più il 25 si avvicinava e più lui si estraniava da tutto.

Dunque gran baldoria! Consapevole di tutto questo, conscia che ad ogni bimbo il Natale piace non solo per i regali che porta con sè…. ho deciso che alle mie bimbe voglio trasmettere un sentimento di festosità che a me è sempre sempre sempre mancato! E non intendo un buonismo irreale e fastidioso (aiuto!) ma piuttosto un’atmosfera diversa ed armoniosa che si avvicini più al silenzio che non alle canzoncine sceme e casiniste del Natale.

Ecco perchè non vorrei proprio accendere la tv, ecco perchè ho faticato come una scimmia alle prime armi nel decorare l’albero, ecco perchè uscirò alle 8 di mattina con 3 gradi centrigradi per andare a cantare all’asilo con la Diana, ecco perchè penso ad un menù che le renda felici, ecco perchè mi rendo conto di quanto le amo…. ecco perchè faccio tutto questo per loro!

Il ricordo positivo di un perdiodo di feste regala alla fine dell’anno buone prospettive per il futuro, regala al Natale un allure sereno e piacevole che valorizza il significato simbolico che la nascita porta con sè. Per me il Natale ha importanza solo se visto in questa prospettiva: la visione concreta della nascita di una nuova anima rinnovata; punto di vista poco interessante per le mie bimbe ma che stabilizzerà in loro la certezza che dalle cose positive nascono ottimi frutti e buone possibilità!

Un augurio di felice Natale, interiore, per voi tutti! 🙂

ps: vi ricordo il mio parere sui regali e sul consumismo imposto: si può cambiare atteggiamento a riguardo! Un consumo attento e moderato, l’acquisto/scambio di regali home made è da considerarsi liberatorio! Fa bene a noi, al mondo e dona ai bimbi un messaggio consapevole pieno di VALORE che si porteranno dietro per tutta la vita! Pensateci! 🙂

Annunci

4 pensieri su “Albero di Natale del grizzly

  1. Marina

    Brava Claudia, sei davvero una brava mamma! Quando lavoravo le festività di Natale erano un incubo, un sacco di lavoro in più, parenti in visita, regali da impacchettare quando i bimbi dormivano, tentativi vani di creare una atmosfera festosa nel preparare gli addobbi che finivano sempre con i miei figli che si litigavano ed io che perdevo la pazienza. Sai il mio errore partiva dal voler essere troppo perfettina e in definitiva fare gli addobbi a mio gusto, quindi i figli non si sentivano coinvolti più di tanto e collaboravano poco. Fai bene tu a preparare tutto con le bambine e pensare solo a che siano soddisfatte loro, quindi w l’albero vintage con gli addobbi buffini! Mi auguro che questo Natale in periodo di crisi, porti tutti a riflettere su quali siano i bisogni reali, non quelli imposti dalla pubblicità. Quanto ai doni quest’anno, grazie alla nostra Scuola, gli orecchini fatti a mano da Laura Manescalchi e i meravigliosi CD del nostro concerto sono stati un’ottima idea regalo. Auguri di un Buon Natale Gnostico a te, a Daniele, a Diana e a Leda!!

    Rispondi
    1. Acquaviva Autore articolo

      Dovrò vedere questi orecchini! Grazie a te per gli auguri, per la compagnia che mi tieni qui sul blog e per la condivisione dei miei punti di vista non sempre comuni, mi fai sentire meno disadatta! 🙂

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...