Archivio mensile:febbraio 2013

the dawning of the rest of our lives (on holiday)

Sono arcistufa del Grande Gioco.

Per chi non conosce il mio punto di vista sulla mostruosità della società in cui viviamo e sul giusto termine “Grande Gioco” non si accontenti di sapere che è un enorme macchina che manda al pascolo noi povere pecorelle smarrite (nell’oblio di noi stessi)… se vi interessa il tema cercate il termine nel blog ed informatevi, essere pecore nere alle volte è un privilegio illuminante!

Riconoscere, deviare ed emanciparsi del sistema è cosa buona, fidatevi!

Siate come Pinocchio che sì, cede caramelle del Paese dei Balocchi, ma che poi riesce a drizzare le sue orecchie di asino per poi – finalmente – liberarsi e divenire un vero bambino!

pinocchio_e_lucignolo

Siate coraggiosi!
Fiduciosi della vostra vocina, del vostro Grillo Parlante, ascoltate la vostra coscienza!
Coraggio, lo dice anche la Fata Turchina (l’Anima), qui!

GRILLO:
” Quando sei nei guai
e non sai che cosa far
fa’ una fischiatina
fa’ una fischiatina.
Se la tentazione
si annida nel tuo cuor
fa’ una fischiatina
fa’ una fischiatina.
Basta un sol trillo e
tutto svanirà
se poi mi vuoi vicin, chiama…”

Iniziare una nuova vita, consapevole, in “vacanza dal Grande Gioco” mi riporta  ai Green Day, che non sono un gruppetto scemino d’oltre Oceano, ma persone che sanno scrivere testi come questo, Holyday:

“Ascolta il rumore della pioggia che scende
che viene giù come la fiamma di Armageddon 
la vergogna, di quelli che muoiono senza un nome…

Ascolta i cani che abbaiano al rumore della chiave,
come un inno chiamato Fede e Miseria
e sanguinante, oggi l’’esercito ha perso la guerra

Io mi permetto di sognare e di non essere d’accordo con le grandissime balle
questo è l’inizio del resto delle nostre vite
in vacanza!

Ascolta il tamburo che batte fuori tempo
un altro oppositore ha superato il limite
per trovare i soldi dall’’altra parte

Posso porre un altro Amen?
c’’è una bandiera avvolta attorno alle ferite degli uomini
una commedia, una borsetta di plastica su un monumento

Io mi permetto di sognare e di non essere d’accordo con le grandissime balle
questo è l’inizio del resto delle nostre vite
in vacanza! (…) “

Per chi non conoscesse i Green Day vi consiglio anche Amercian Idiot, bella schietta e valevole anche per noi europei! Il mio fastidio non è contro gli americani, l’intento del post è solo di stimolare un nuovo sguardo, più attendo e meno passivo. America, Europa…. non importa… purtoppo non si differenziano molto tra di loro e le loro scelte politiche o economiche (che ci coinvolgono) sono mosse solo ed esclusivamente per mezzo e per il fine del dio denaro…

“Non voglio essere un idiota americano
Non voglio una nazione così succube dei nuovi media
E lo senti il rumore dell’’isteria?
E’ il suono subliminale che fotte i cervelli dell’’America
Benvenuti in un nuovo tipo di pressione mentale
Che attraversa una nazione ormai diversa
Non tutto deve andare bene per forza
Sogni televisivi del futuro
Noi non dobbiamo per forza dargli retta
E convincerli a starci dietro
Beh forse io faccio parte dell’’America gay
Non sono nella lista dei bigotti conservatori
Ora tutti fanno propaganda
E si uniscono al coro dei paranoici
Benvenuti in un nuovo tipo di pressione mentale
Che attraversa una nazione ormai diversa
Non tutto deve andare bene per forza
Sogni televisivi del futuro
Noi non dobbiamo per forza dargli retta
E convincerli a starci dietro
Non voglio essere un idiota americano
Una nazione controllata dai media
La nazione dell’informazione e dell’’isteria
Che dilaga nell’’America idiota
Benvenuti in un nuovo tipo di pressione mentale
Che attraversa una nazione ormai diversa
Non tutto deve andare bene per forza
Sogni televisivi del futuro
Noi non dobbiamo per forza dargli retta
E convincerli a starci dietro.

Vi lascio alle vostre riflessioni, buon tutto!
“

road stories #2012#